brembati_21

Panettoni e pandori

Per queste feste di Natale…

Coccolati di golosità e dolcezza! Per tutto il periodo natalizio non perderti l’opportunità di  gustare il nostro Panettone artigianale, disponibile in tante varianti speciali, e il nostro Pandoro a lievitazione naturale, preparati con ingredienti genuini e di prima qualità, disponibili in varie dimensioni da 500 gr. a 2 kg.

panettone

Ti offriamo un Panettone artigianale in tante varianti, dal panettone semplice e tradizionale ai panettoni più golosi e insoliti realizzati con diverse farciture. Puoi sbizzarrirti nella scelta tra:

  • Panettone tradizionale con scorza di arancio, cedro e uvetta sultanina
  • Panettone mandorlato con noci e cioccolato
  • Panettone Donizetti con polpa di ananas e albicocca
  • Panettone Primitivo con farina integrale, zenzero candito e zucchero di canna mascobado
  • Panettone Primavera con frutti di bosco e cioccolato bianco
  • Panettone Dolce Fibra con farina di lino e di canapa; Curcuma, semi di Chia, semi di Quinoa, gocce di composta ai frutti di bosco. (qui metterei link all’articolo sul blog)

Il Pandoro viene offerto in un’unica variante, quella della ricetta tradizionale. Con la sua inconfondibile pasta soffice e dorata dal profumo di vaniglia e dal caratteristico corpo a forma di stella, è insieme al Panettone il dolce natalizio per eccellenza. Gli ingredienti sono semplici: farina, zucchero, uova, lievito, burro e burro di cacao. Il gusto e la fragranza unici.

Lo sapevi che…?

Panettone sta per “pan del Toni”? L’origine di questo dolce nasce da un errore del cuoco di Ludovico il Moro che carbonizzò il dolce del pranzo di Natale; intervenne quindi un giovane servo – tale Toni-  che con farina, zucchero, burro, uvetta e canditi creò un pane dolce e soffice, entusiasmando tutti i nobili commensali. La ricetta non è cambiata molto da allora, ma da tipico dolce artigianale milanese si è diffuso in tutta Italia.

E il Pandoro? Per il Pandoro le origini sono più incerte; forse era il “Pan de oro” servito a Natale dai Dogi veneziani nel Cinquecento, probabilmente è un antico dolce veronese o, forse, deriva da un dolce che veniva preparato nella casa reale degli Asburgo, chiamato “Pan di Vienna”.